x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

La tua avventura.
La tua storia.

Info interessanti per vacanza a Caldaro, Bassa Atesina

Località vacanze di Caldaro presso la Strada del VinoCaldaro e le sue nove frazioni compongono, insieme alla località altoatesina di Appiano, il territorio dell'Oltradige, incluso nell'area vacanze della Bassa Atesina. Entrambe le località si trovano direttamente lungo la Strada del Vino dell'Alto Adige, la più antica d'Italia.

Alloggi:

Caldaro ha tutte le carte in regola per entusiasmare il tuo cuore vacanziero: tanti sentieri escursionistici che si snodano nel territorio, un lago balneabile ideale per nuotare e anche gli appassionati di cultura saranno affascinati da questo territorio, che inoltre è anche un vero e proprio paradiso per gli amanti del vino.

Nei mesi estivi, il lago di Caldaro invita a fare il bagno e a sguazzare nell'acqua. E non saranno certo solo i più intrepidi a tuffarsi, dato che si tratta del lago balneabile più caldo delle Alpi - il divertimento in acqua è quindi a portata di tutti! Da non perdere anche l'escursione alla Valle della Primavera, situata a Monte di Mezzo, tra Monticolo e il lago di Caldaro. A fine febbraio, la valle si ricopre di un tappeto di splendidi fiori.

Lago di Caldaro nella località turistica di CaldaroFontana nel centro di Caldaro in Alto AdigeCaldaro nell'area vacanze della Bassa Atesina

Un' altra attrazione particolare è la funicolare della Mendola. Si tratta non solo della prima funicolare elettrica del Tirolo, ma anche della più lunga. Fra gli impianti più ripidi di tutta Europa, si inerpica sul Passo Mendola, la fenditura più profonda della Costiera della Mendola. Collega l'Alto Adige con il Trentino ed attrae molti visitatori, sia in estate che in inverno.

Uscendo dal tuo alloggio di Caldaro e girovagando per il paese potrai ammirare i particolari edifici che abbelliscono le strade. Molte di queste abitazioni sono state costruite nel cosiddetto stile dell'Oltradige. Dal 1550 al 1600 il centro fu sottoposto ad un intervento di restauro, nel corso del quale confluirono vari elementi dello stile toscano, molto apprezzato e moderno per l'epoca.