x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

La tua avventura.
La tua storia.

I biscotti, veri protagonisti del Natale

Biscotti di NataleOgni anno, mentre il Natale si avvicina, un'atmosfera di pace e contemplazione si diffonde lentamente nell'aria. Le temperature si abbassano, cade la prima neve e dai forni arriva il profumo delle stelle di cannella e dei frollini appena cotti. In questa sezione scoprirai tutto quello che c'è da sapere, e anche alcune curiosità, sui dolcetti delle feste!

La storia dei biscotti di Natale

Lo sapevi che anche i biscotti di Natale hanno una loro storia? In epoca precristiana, il 25 dicembre si celebrava il solstizio d'inverno. Per questa occasione si preparava un pane sacrificale (Opferbrot), che secondo la credenza popolare aveva la funzione di scacciare i demoni e proteggere le anime dei defunti. Con l'avvento del cristianesimo, al solstizio d'inverno si sostituì il Natale, mentre il pane di Natale, il cosiddetto Christstollen (panettone della tradizione tedesca), prese il posto di quello sacrificale. Si trattava di un dolce dagli ingredienti costosi ed esotici, provenienti dal lontano Oriente, che era per lo più un privilegio delle classi sociali agiate. Le famiglie più povere cominciarono così a preparare e cuocere il pane di Natale in porzioni più piccole. Così sono nati i primi biscotti delle feste! E oggi? Nella società contemporanea, cucinare questi dolci non è più sinonimo di rinuncia o povertà.

Una preparazione impeccabile

  1. Lista della spesa: hai già tutti gli ingredienti in casa? O devi comprare ancora qualcosa? Sì? Per una preparazione senza stress, pesa tutto e accertati che non manchi niente. 
  2. Impastare, impastare… e ancora impastare! Quando si prepara la pasta frolla, bisogna fare attenzione a miscelare e impastare bene gli ingredienti, che dovrebbero essere idealmente tutti a temperatura ambiente. Lavora l'impasto fino a quando non saranno più visibili i pezzetti del burro, che potrebbero lasciare dei buchi nei biscotti. Dopo di che, il composto deve riposare in frigo o in un luogo fresco per un'ora. Perché? A causa dell'elevato contenuto di grassi, la pasta frolla diventa in breve tempo troppo molle.
  3. La pasta frolla ha una consistenza appiccicosa? Niente paura! Stendi l'impasto tra due fogli di carta da forno. Evita invece di cospargere il piano di lavoro con una quantità eccessiva di farina, che asciugherebbe eccessivamente il composto, rendendo i biscotti troppo secchi. 
  4. Il problema degli albumi… Il sogno di tutti i fornai dilettanti e dei principianti: albumi montati a neve ben ferma. Il desiderio non si avvera? Vediamo… forse è finito un po' di tuorlo nella terrina, oppure la frusta non era completamente pulita e sgrassata. L'albume è un ingrediente molto delicato, basta poco per renderlo inutilizzabile. Quando sgusci le uova, separa con attenzione i tuorli dagli albumi, e lava e asciuga una volta in più la frusta elettrica. Una presa di sale ti aiuterà ad ottenere una consistenza più soda, mentre lo zucchero dovrebbe essere aggiunto in una fase successiva. Ora sei pronto per il test. Capovolgi la terrina… e speriamo che niente si muova!
  5. Dorati… non bruciati: supervisiona costantemente la cottura, perché ogni forno è leggermente diverso dagli altri.
  6. Dove conservare i biscotti? Lascia raffreddare bene i dolcetti, quindi riponili in un barattolo. Ti consigliamo di non mischiarli, ma di utilizzare un contenitore diverso per ogni tipo di biscotto. E se i tuoi biscotti di pan pepato si sono induriti, tanto da mettere a rischio i denti, metti nel barattolo, per uno o due giorni, la buccia di una mela, oppure il frutto non sbucciato…et voilà! Come per magia, i dolcetti riacquisteranno la loro gradevole morbidezza.
Altri suggerimenti che possono interessarti:
Biscotti e dolcetti di Natale
Biscotti e dolcetti di NataleLe ricette più belle, per un Natale ancora più bello ...
di più
Mercatini di Natale
Mercatini di NataleScopri l'incanto unico del Natale altoatesino ...
di più
San Nicolò e i “Krampus”
San Nicolò e i “Krampus”Il buon uomo dalla barba bianca e i suoi temibili accompagnatori ...
di più