x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

La tua avventura.
La tua storia.

La Chiesa parrocchiale di Brunico

Chiesa parrocchiale di BrunicoÈ l'edificio religioso più imponente del capoluogo della Val Pusteria: la Chiesa parrocchiale di "Nostra Signora", chiamata anche la "Chiesa di Santa Maria Assunta". In questa posizione meravigliosa nel centro storico di Brunico si erigeva già nel XIII secolo una piccola chiesetta. 

L'attuale Chiesa parrocchiale di Brunico fu eretta tra il 1851 e il 1853 sotto il Decano Anton von Klebelsberg e secondo i progetti dell'architetto Hermann von Bergmann di Vienna. Precedentemente nello stesso luogo si trovavano già altre tre chiese.

La prima chiesetta documentata in questo luogo risale al XIII sec. ed era dedicata a Maria, la Madre di Dio. Alla fine del XV sec. e all'inizio del XVI sec. fu rimaneggiata in una nuova chiesa gotica, una chiesa molto più grande. In ogni caso questa non fu mai completata. Di essa si sono conservati tuttavia le mura del coro con i contrafforti. Intorno al 1790 fu edificata una terza chiesa, in stile classicheggiante, che tuttavia fu distrutta nel 1850 di un incendio. Con la ricostruzione della chiesa, tra le altre cose, furono arrotondati gli archi a sesto acuto.

"Tutto in gran gloria di Dio e della Beata Vergine Maria" recita l'iscrizione OAMGD E BVM (Omnia ad maiorem gloriam Dei et beatae Virginis Mariae), che è riportata sulla grande lapide di marmo sul portale centrale. Da non perdere, all'esterno, ovviamente anche i due campanili a cuspide al passaggio ovest e la statua di marmo alta 4 m di Maria Immacolata dello scultore meranese Franz Pendl nella nicchia del timpano. Lungo il muro verso il cimitero si trova una galleria genealogica delle famiglie nobiliari di Brunico.

Dei gioielli della chiesa fanno parte il Crocifisso, che fu realizzato secondo la scuola di Michael Pacher nel XVI sec. e gli affreschi della volta di Georg Mader (1824-1881). Questi soffitti affrescati mostrano diverse scene della vita di Maria. Da vedere anche l'organo Mathis del 1983. È il più grande organo dell'Alto Adige. Le pale d'altare sono opera di Franz Hellweger (1812-1880), di San Lorenzo, il bassorilievo bronzeo in stile rinascimentale sulla colonna sinistra dell'atrio è opera invece dell'artista di corte di Bressanone Hans Reichle (1620). Sul pilastro centrale sinistro si trova una scultura lignea che raffigura il Redentore che porta la croce con Simone di Cirene ed è attribuita ad Hans von Judenburg (intorno al 1430). Lo stucco dipinto sul lato anteriore dell'altare laterale mostra la Madonna con suo figlio morto Gesù tra le braccia, proviene da Salisburgo ed è un'opera del cosiddetto Stile dolce (intorno al 1400). Al 2003 invece risale il Ritratto di San Giuseppe Freinademetz, che si trova sulla parte anteriore sinistra accanto al pulpito ed è opera di Annelies Frenes Hitthaler. Da non lasciarsi scappare sono anche le scene della Via Crucis in terracotta, in particolare la XV Stazione. Essa rappresenta infatti Sant'Elena con la Croce.

La Chiesa parrocchiale di Brunico è aperta tutto l'anno.

Altri suggerimenti che possono interessarti:
Chiesa di San Giorgio a Tesido
Chiesa di San Giorgio a TesidoInteressante da visitare anche con una guida ...
di più
Alloggi a Brunico
Alloggi a BrunicoVacanza in campagna o in città? Qui sei nel posto giusto ...
di più
Duomo di Bressanone
Duomo di BressanoneAssolutamente da vedere! E non solo per i veri amanti dell'arte ...
di più