x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

La tua avventura.
La tua storia.

Il traino dell'aratro a Stelvio

Traino dell'aratro a Stelvio Quando:
22.02.2020

Il carnevale è il periodo più pazzo dell'anno. A questo proposito, l'Alto Adige - e quindi anche la Val Venosta! - vanta la presenza di usanze assolutamente uniche. A Stelvio, ogni due anni, si svolge la tradizionale cerimonia “del traino dell'aratro”.

La vita rurale dei tempi andati viene rievocata nel corso di un evento carnevalesco, il traino dell'aratro: una tradizione che sottolinea lo stretto vincolo che legava il contadino al suo status e ai rapporti intrattenuti nell'ambito del proprio tessuto sociale. Si tratta di un antico rituale che pone l'enfasi sulla lotta combattuta contro le forze della natura: si festeggia la fine dell'inverno e l'arrivo della bella stagione, il periodo più favorevole e fecondo dell'anno. Il corteo, che attraversa tutto il paese, è di buon auspicio per il raccolto e ha inoltre lo scopo di scacciare gli spiriti maligni dell'inverno, simbolicamente rappresentati dai peggiori mali di stagione secondo gli abitanti.

La sfilata

Alle 12:00 in punto, dopo la preghiera dell'Angelus, i contadini di Stelvio, accompagnati dalla plebe e dal popolo, spingono l'aratro attraverso i ripidi e fitti vicoli del paese. Tutti sono impegnati a trattare, mercanteggiare e litigare rumorosamente. L'aratro viene trainato da un cavallo e alcuni buoi (ruoli in realtà interpretati dai paesani!). Attorno alla vita del cavallo, che porta una maschera di pelliccia sul “muso”, è stretto un grande campanaccio, mentre i buoi indossano camicie bianche e cappelli privi di orlo, dai quali pendono tanti piccoli e sottili listelli di legno. Il responsabile della manodopera nei campi accompagna il gruppo, seguito da contadini, uomini e donne, elegantemente vestiti a festa, dagli anziani, dai braccianti, dai trebbiatori e da giovani contadinelle. Alla realtà contadina si contrappone un mondo di commercianti di uccelli, calzolai, orologiai, barbieri, bracconieri, medici e arrotini. Due mondi diametralmente opposti, che entrano costantemente in conflitto durante la sfilata.

Il corteo procede lungo le strade e i vicoli di Stelvio, per poi rientrare alla piazza della chiesa. Qui è in programma il cosiddetto “Knödelstehlen”, ossia il “furto dei canederli”. Davanti alla chiesa troviamo una grande tavola con una ciotola piena di canederli e crauti. I contadini, insieme al cavallo e ai buoi, vengono serviti per primi, ma anche la plebe, trattenuta a stento dai trebbiatori, è affamata. Alla fine gli esclusi al banchetto riusciranno ad aprirsi un varco, raggiungere la tavola e rubare canederli e crauti, ingozzandosi avidamente e infilando il cibo in tasca, mentre i braccianti intervengono picchiandoli e cercando di scacciarli. Solo dopo che i contadini avranno mangiato, sarà loro permesso di avvicinarsi alla tavola, due alla volta. È una tregua che durerà però molto poco: presto infatti ricominceranno tafferugli e insulti!

Il traino dell'aratro è un evento che si svolge a Stelvio a cadenza biennale, negli anni di numero pari. E come vuole la tradizione, tutti i ruoli della rappresentazione vengono interpretati da uomini, anche quelli femminili.

Contatto:

Associazione Turistica Gruppo dell'Ortles
Via della Croce 4/c
I-39026 Prato allo Stelvio
Tel. +39 0473 616034
www.venosta.net
Altri suggerimenti che possono interessarti:
Eventi invernali in Alto Adige
Eventi invernaliQui trovi altri eventi interessanti in Alto Adige ...
di più
Comune turistico di Stelvio
Comune turistico di StelvioScopri questa incantevole località della Val Venosta ...
di più
Alloggi in Val Venosta
Alloggi in Val VenostaDagli hotel ai garni, fino ai soggiorni in agriturismo ...
di più