x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

La tua avventura.
La tua storia.

Sentiero tematico sul Renon

Piramidi di terra sul Renon nella Bassa AtesinaBastano pochi minuti per arrivare dal centro della città di Bolzano sull'altipiano del Renon a quota 1.000 metri s.l.m. A partire dal 17° secolo fu quasi un obbligo per la nobiltà e la borghesia mercantile di Bolzano trascorrere i caldi mesi estivi sul Renon.

Lungo il sentiero tematico di circa 2 ore con punto di partenza a Soprabolzano, gli escursionisti hanno la possibilità di conoscere le particolarità del Renon. Le stazioni realizzate descrivono le cose appena viste e spiegano in modo semplice il perché delle cose che si possono trovare solo sul Renon.

Fanno parte di queste stazioni:

Il trenino del Renon: dal 1907 questo trenino collega le località dell'altopiano - Maria Assunta, Soprabolzano, Costalovara, Stella e Collalbo.

La Strada degli imperatori: già ai tempi dei Reti una strada ha condotto e attraversato l'altipiano del Renon. Più tardi fu denominata "Strada degli imperatori". Ciò non a caso: qui, infatti, sono state attestate oltre 60 spedizioni dirette a Roma nel Medioevo.

Il porfido: il Renon è composto dal porfido. Dalla fine dell'era glaciale questa roccia ha subito solo in minima parte un disfacimento da parte degli agenti atmosferici. Così l'acqua piovana penetra indisturbata attraverso le spaccature rimanendo inutilizzabile per il Renon.

Le piramidi di terra: sul Renon si incontrano numerose piramidi di terra. L'emergere di queste piramidi risale al tardo periodo glaciale. I detriti morenici depositati dai grandi ghiacciai della Valle Isarco hanno formato colonne argillose sormontate da grandi pietre, le cosiddette piramidi di terra.

Rocce rossastre: il Renon si trova nell'ambito geologico del porfido quarzifero che spesso si presenta di colore rossastro.

I Santi Giorgio e Giacomo: dell'antica chiesetta in onore dei Santi Giorgio e Giacomo sono rimasti solo i muri delle navate e l'abside circolare. Nel XVII secolo si procedette ad una radicale ristrutturazione in occasione della quale fu costruita la volta a botte e le finestre ottennero la loro forma di oggi. Per entrare nella chiesa bisogna ritirare la chiave presso l'Associazione Turistica di Soprabolzano.

La ferrovia a cremagliera: dal 1906 la città di Bolzano è collegata con il Renon con una ferrovia a cremagliera. Nelle località di Maria Assunta, Soprabolzano, Longomoso e Collalbo ancora oggi le ville nobili rimandano alla nobiltà dei tempi che furono.

Caratteristiche:
Partenza: Soprabolzano, stazione funivia
Dislivello: 230 m
Lunghezza: 5,5 km
Durata: 2 h

Altri suggerimenti che possono interessarti:
Vista sulle piramidi di terra di Soprabolzano
SoprabolzanoDa sempre popolare meta turistica di ospiti illustri ...
di più
Gita circolare Soprabolzano
Gita circolare SoprabolzanoTranquilla gita lungo il Sentiero delle castagne ...
di più
Hotel Sud dell'Alto Adige
Hotel Sud dell'Alto AdigeAl lago, in città, in campagna o in montagna ...
di più