x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

La tua avventura.
La tua storia.

Incontro con gli animali sul pascolo

Incontro con gli animali sul pascoloImmagina la situazione: Cammini lungo un sentiero che attraversa un alpeggio. Davanti a te, una mandria di bovini. Alcuni sono sdraiati nell'erba, altri ti guardano in modo sospettoso e sembrano nervosi.  Cosa faresti? A. Li accarezzi per tranquillizzarli - B. Passi rapidamente in mezzo alla mandria - C. Torni indietro.​ 

Le risposte A e B sono sbagliate. Oltre all'opzione C ci sarebbero in realtà un altro paio di alternative, ma la risposta è comunque sostanzialmente corretta: fare dietro-front, soprattutto quando non si è sicuri di come potrà evolversi la situazione, è la soluzione migliore. Se avevi scelto le risposte A o B, ti consigliamo di leggere attentamente quanto segue.

Mucche e persone: da sapere per gli escursionisti

L'incontro con gli animali sul pascolo richiede necessariamente una certa dose di prudenza. Come prima regola, occorre ricordare che un alpeggio non è una fattoria didattica. Le mucche al pascolo non sono animali da compagnia o inclini alle carezze. In ogni caso, comunque, non si tratta nemmeno di un nemico pubblico: gli animali non hanno certo l'intenzione di farti del male.

Durante un'escursione potrai incontrare tre tipi di mandrie di bovini

  • Mandrie di mucche e vitelli: ogni mandria è composta dalle madri con i loro piccoli. I giovani sono solitamente molto curiosi, ma attenzione! Le madri difendono i vitellini in modo istintivo e impulsivo. Occorre inoltre prestare particolare attenzione in caso di presenza di maschi adulti (tori). 
  • Mandrie di vitelli: i giovani sono spavaldi, pieni di vitalità e molto curiosi. Il contatto con gli esseri umani può innescare reazioni incontrollate e causare malintesi
  • Mandrie di mucche: è una mandria composta da mucche regolarmente sottoposte a mungitura e abituate quindi al contatto con le persone. In ogni caso, è sempre meglio essere prudenti. 

Mantenere le distanze è segno di buona educazione!

Sono quasi sempre le persone, con i loro comportamenti sbagliati, a scatenare reazioni aggressive o di paura negli animali. Se una madre o un altro animale adulto si sentono in pericolo, reagiranno con un comportamento di minaccia. Nella maggior parte dei casi, gli animali rimangono inizialmente immobili, fissando il loro obiettivo. Sollevano e abbassano il capo e cominciano a sbuffare. Fanno un paio di timidi passi in direzione del presunto aggressore, poi partono improvvisamente alla carica. Ecco alcuni consigli per difendersi e/o evitare situazioni come queste:

  • Non avvicinarti troppo agli animali del pascolo. Si consiglia di mantenere una distanza di sicurezza di 20-50 metri. In particolare, non accarezzare o nutrire i vitelli.
  • Nel caso in cui la mandria sia già inquieta o ti stia fissando, mantieni la distanza e valuta la possibilità di cambiare strada
  • I cani sono considerati potenziali nemici e come tali trattati. Tieni sempre il tuo cane al guinzaglio e prendi una strada alternativa. In caso di imminente attacco, libera il cane e allontanati immediatamente: il tuo amico a quattro zampe sarà più veloce ad eludere il pericolo. 
  • In una situazione di pericolo mantieni la calma e non correre. In caso di emergenza cerca di spaventare l'animale con un colpo ben assestato di bastone sul naso; evita, però, di agitare il bastone freneticamente o di gridare. Lentamente e senza fare movimenti improvvisi, allontanati dalla zona di pericolo senza voltare le spalle all'animale.
Altri suggerimenti che possono interessarti:
Precauzioni da adottare durante un temporale
Precauzioni da adottareSta arrivando un temporale! Che si fa ...
di più
La tua avventura
La tua avventuraScopri qui la tua futura avventura in Alto Adige ...
di più
Escursione da Casere alla Malga Tauern
Casere - Malga TauernPer ammirare i 3000 un po' più da vicino ...
di più